Master in Criminologia e Psicopatologia del Comportamento Sessuale

Il Master, che prenderà avvio a far tempo dal 26 marzo 2021, e si articolerà in un totale di dodici incontri suddivisi in due moduli, impegnerà i Partecipanti per un intero venerdì ed un intero sabato al mese (marzo – aprile – maggio 2021 I Modulo, settembre – ottobre – novembre II Modulo) con la finalità di dotare gli Iscritti di strumenti di intervento atti a fronteggiare contesti nei quali la psicopatologia sessuale si trasforma in crimine perseguibile per Legge.

Le svariate materie che verranno affrontate sono suddivisibili in principali e secondarie, non per ordine d’importanza, ma per indirizzo specifico che esse devono mostrare per correlare differenti figure professionali; le principali sono rappresentate da Criminologia clinica, Psicopatologia, Psichiatria forense, Psicologia giuridica, mentre le si raggruppano in Medicina legale, Diritto Penale e Diritto di famiglia.

 

Gli argomenti che verranno trattati, a vario titolo dai numerosi ed illustri specialisti, spaziano quindi, senza superficialità, ma con dedizione e specificità, tra mondi apparentemente scollegati, ma intimamente connessi tra loro nella realtà quotidiana delle Professioni a cui questo Master è indirizzato.

 

Il grande capitolo della Criminologia clinica insegnerà: strumenti di analisi nell’omicidio a sfondo sessuale: il modello S.I.R.; Criminal Profiling; Pedofilia e prevenzione della recidiva nei Sex Offenders; Violenza omofobica e Violenza di genere; abuso sessuale nella disabilitá intellettiva e psichica. La Psicopatologia mostrerà: Parafilie sessuali; Perversioni: vissuti e meccanismi difensivi; Stili di attaccamento e BDSM; dipendenza sessuale. In termini di Psichiatra forense si affronteranno: Disturbi di personalità nel discontrollo sessuale: trattamento e terapie psicofarmacologiche; Schema Therapy ed il suo impiego negli aggressori sessuali con disturbo di personalità. Il ramo della Psicologia giuridica si occuperà di: dolore traumatico nel minore vittima di abuso sessuale; utilizzo delle immagini nel colloquio con le vittime di abuso sessuale; struttura e tecniche per le Consulenze tecniche d’Ufficio e di Parte (C.t.U. e C.t.P.); interferenze emotive nel professionista di violenza sessuale. La Medicina legale discuterà di: tracce del reato: identificazione, raccolta, conservazione, analisi; Perizia medico-legale nei reati a sfondo sessuale; Odontoiatria legale nella violenza minorile e di genere. Il Diritto condurrà attraverso: relazione fra Avvocato e Consulente tecnico/Perito; spettro dell’Errore giudiziario nei reati di violenza sessuale; Codice Rosso e la normativa inerente molestie e violenze sessuali.

 

 

Il Gruppo di Docenti, tra cui si distinguono nomi illustri, sarà così composto:
 
• Prof. Salvatore Capodieci – Psichiatra, Sessuologo clinico, Professore Stabile Ordinario IUSVE;
 
• Dr.ssa Tiziana de Martino – Psicoterapeuta, Perito e Consulente Tecnico;
 
• Avv. Elisabetta D’Errico – Avvocato, Presidente Ordine degli Avvocati di Bologna;
 
• Prof.ssa Anna Di Santantonio – Psicoterapeuta, Professore a contratto Universitá di Bologna;
 
• Dr. Michele Frigieri – Criminologo, Sessuologo clinico, Perito e Consulente Tecnico, Giudice Onorario Tribunale per i Minorenni di Bologna;
 
• Dr. Luciano Garofano – Generale CC, Presidente Accademia Italiana di Scienze Forensi;
 
• Prof. Vittorio Lingiardi – Psichiatra, Psicoanalista, Professore Ordinario Universitá La Sapienza;
 
• Dr. Giacomo Mancini – Psicoterapeuta, Ricercatore Università di Bologna;
 
• Dr.ssa Sara Mantovani – Medico Chirurgo Spec. in Medicina legale, CTU e Perito, CTP;
 
• Dr.ssa Giada Mondini – Psicoterapeuta, Sessuologa clinica, Consigliere CIS;
 
• Dr. Renzo Muraccini – Psichiatra, Dip. Salute Mentale Dipendenze Patologiche AUSL Bologna;
 
• Dr. Riccardo Musacchi – Psicoterapeuta, Presidente Istituto Fototerapia Psicocorporea;
 
• Dr.ssa Marta Panzeri – Psicoterapeuta, Ricercatore Universitá di Padova;
 
• Avv. Antonella Rimondi – Avvocato, Consigliere Ordine degli Avvocati di Bologna;
 
• Prof.ssa Maria Sofia Rini – Presidente Accademia Italiana di Odontoiatria Legale, Professore a contratto Universitá di Bologna;
 
• Avv. Stefania Tonini – Avvocato, Consigliere Ordine degli Avvocati di Bologna.

 

Diretto a Professionisti e Laureati in ambito medico, psicologico, forense, pedagogico, socio-antropologico e socio-assistenziale, il Master affronterà quindi una risma di argomenti con metodiche didattiche estremamente interessanti che non mirano esclusivamente al “trasporre concetti e conoscenze”, ma che porteranno i Partecipanti, in alcuni casi, a vivere, intimamente e direttamente, esperienze che aiuteranno a comprendere molto di più e molto al di là di quanto offra normalmente un corso con sola didattica frontale. Qualsiasi Professionista che, ovviamente, in un modo o nell’altro possa trovarsi professionalmente a muoversi nella materia, dovrebbe affrontare questo Master spalancando le porte alla parte di quel mondo in cui lavora, ma di cui vede “solo” il proprio ruolo e di cui vive solo la propria “parte” in uno scenario in realtà costituito da tasselli imprescindibili per una visione completa della propria opera professionale.

 

Se da un lato infatti, ai fini degli aspetti cognitivi, intendendo il “sapere”, vengono impiegate tecniche di lezione frontale oltre che di lavoro in gruppo, valore aggiunto e che fa ben comprendere cosa significhi in realtà un team, dall’altro gli aspetti esperienziali, ovvero il saper fare ed il saper essere, vengono affrontati attraverso role play, casistica clinica e forense, tecniche di supervisione e testimonianze dirette (vissuto parafiliaco e vissuto di abuso sessuale minorile recidivo).

 

Il Master qui proposto si differenzia poiché pone nelle condizioni di comprendere in prima persona lo spettro psico-patologico delle varie scienze presentate in termine prettamente specialistico e, contestualmente, nonché di pari passo, aiuta a comprendere come la parte psicologica collimi con la parte giuridica. Esso gioca sul cambio di spettro del singolo relativamente a tutte quelle che sono materie che, per contenuto e forza dello stesso, in buona sostanza imbarazzano “l’io” degli stessi Partecipanti. Il Master descritto si propone come un’esperienza a 360° non solo raccontata, bensì vissuta in prima persona.

Chiaramente è rivolto ad un ampio spettro di persone che, come base strutturale, devono essere dirette o verso la giurisprudenza, o verso la medicina oppure verso la psicologia e la psicanalisi. La messa in luce di determinati argomenti di importante approfondimento, offre spazio anche per tutti i ruoli giuridici, da Magistrati a Giudici ad Avvocati che possono attraverso questo metodo ampliare la conoscenza della materia, non prettamente loro, vivendola da un altro punto di vista: quello della patologia o del confine con essa.

 

 

Dal punto di vista medico, questo percorso può mostrare la “vera” parte clinica di quello che costituisce il background patologico e non mediante tutte le sfaccettature che si vanno a toccare: anche le sfaccettature proprie interiori che a volte vengono negate a noi stessi da noi stessi per rifiuto, rabbia, frustrazione, incredulità.

 

Per ciò invece che concerne psicologi, psicanalisti e psicoterapeuti grande è il confronto con l’altra parte della materia: la parte giuridica, ovvero quella parte che permette di comprendere come la Legge si muova a vantaggio/svantaggio di tante situazioni che hanno a che vedere con il mondo psicologico del reato. Gli argomenti trattati sono di ampio spettro e di grande interesse per tutte le figure non ancora professionali e già professionali: si spazia tra argomenti estremamente attuali di quanto sia breve il passo tra ciò che non è patologico e ciò che lo può diventare, si aiuta il Partecipante al Master a comprendere profondamente quanto sia complicata la mente sia di chi è ritenuto “normale“ sia di coloro che sono ritenuti soggetti “psico-patologici“.

 

A volte, nella pratica quotidiana, ogni specialistica sia essa giuridica, medica, psicologica e via discorrendo, proprio per il mancato tempo che dedichiamo a noi stessi per comprendere, a tratti perde di valenza per poi divenire un atto “meccanico”. Altre volte, nella pratica quotidiana, l’emotività fa sì che l’animo si sbilanci in assenza del seguito dalla ragione e soprattutto dalle Norme da applicare, perché l’animo le ritiene entrambe troppo rigide relativamente al nostro sentire.

 

Ebbene, attraverso questa esperienza, mediante gli specialisti delle svariate materie che guideranno il Master, si imparerà a ponderare e si tenterà di trovare un equilibrio tra l’istintività, l’emozionalità e la razionalità, facendo sì che i vari argomenti affrontati si intersechino fluidamente l’uno nell’altro, cosa che parrebbe forse improbabile. Ciò avviene perché attraverso questa “avventura” (sia passato il termine) di crescita, si passa anche attraverso se stessi, quel “se stessi” che, in fin dei conti, è lo scoglio più duro: è proprio attraverso noi stessi però che possiamo capire il perché una situazione che esula dalla nostra “confort zone” non deve forzatamente far crescere rabbia, attrito, dissenso, persino disgusto solo perché non la si comprende appieno.

 

La parte legislativa e giurisprudenziale in materia criminalistica, porterà a capire quanto è importante notare come la Norma evolva e guidi il cammino e quanto sia rilevante approfondire una situazione per evitare ingiuste condanne o per soprassedere su condanne inesorabili. Dal punto di vista sempre giuridico verrà chiaramente spiegata che cos’è una consulenza tecnica, come ci si muove all’atto pratico su quelli che sono reati a sfondo sessuale, guidati dall’impulso di soggetti che, non sempre, sono definibili come patologici e nemmeno il contrario.

 

Dal punto di vista di psicologico e clinico nel senso ampio del termine, si passerà attraverso tutto quel ramo di patologie, dalle parafilie che sgomentano per l’attualità del loro essere, al tratteggiare persino il profiling di un assassino seriale, fino ad arrivare al grande capitolo della pedofilia che, viene sempre giudicata con ribrezzo, pur non conoscendo ben da vicino cosa in realtà si sta giudicando.

 

 

Il Master permette un atto conoscitivo veramente molto ampio ed origina, per come è svolto e strutturato, il vantaggio di spingere chi vi partecipa ad una “fame di conoscenza” sempre maggiore della psiche che affascina tutti ed a cui nessuno rimane indifferente. Attraverso di esso si tenta di avvantaggiare, nella “comune” materia giornaliera di ogni singolo Professionista, il raggiungimento di quell’equilibrio tra “mente e cuore” che, nonostante tutti gli strumenti che sono stati insegnati negli anni ad ognuno a vario titolo, nel tempo difficilmente siamo riusciti a raggiungere. È come fosse un “dono“ che si fa a se stessi affrontare questo percorso e portarlo a termine, perché permette ineluttabilmente di uscire dal proprio “microcosmo” portandoci a comprendere che il “piccolo mondo” in cui il singolo Professionista vive ed opera è sempre e comunque in relazione con il mondo altrui di cui si ha a volte scarsa conoscenza.

 

La notevole importanza di questo Master è rappresentata dall’accrescere le peculiarità della psicopatologia del comportamento sessuale, della criminologia e della legislazione di merito con una consapevolezza molto maggiore per coloro i quali fanno/faranno di questo ambito il proprio lavoro e per coloro i quali affrontano/affronteranno nell’ambito del proprio lavoro situazioni che riusciranno a “leggere” diversamente. Il perfezionamento e l’ottimizzazione di conoscenze di stampo professionale ed istituzionale, seppur prima di tutto personale nel core della psicopatologia sessuale criminologica, permetterà una valutazione, secondo la singola Professione, di più ampio spettro, aiutando peraltro a vagliare quali siano gli obblighi ed i doveri giuridici degli operatori implicati a vario titolo nelle differenti situazioni che si potranno verificare. Si giungerà inoltre ad ottenere una chiara comprensione della corrente dottrina tecnica per lo svolgimento dei colloqui di trattamento sia della vittima che dell’offender.

 

L’amplissimo spettro argomentativo e strutturale che il Master propone diverrà come una radice impiantata che non smetterà di crescere ed alimentarsi sia per la peculiarità delle materie trattate sia per il sentire che si proverà a lasciarsi trasportare all’interno di quella parte di scienza che disconosciamo.

Per informazioni cliccare il link: MASTER IN CRIMINOLOGIA E PSICOPATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO SESSUALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *